I telescopi dell’Osservatorio

Dopo quindici anni di attivita’ fondata sui telescopi trasportabili (privati e dell’ACA), la costruzione dell’osservatorio civico ci ha permesso di acquistare uno strumento “da cupola”…

La scelta e’ caduta su un sistema completo di telescopi e accessori classici , adatti prevalentemente alla didattica ma con un potenziale sufficiente a garantire ottimi risultati nei campi in cui gli astrofili contribuiscono alla raccolta dati per gli astronomi professionisti (Sole, Giove, comete, pianetini)

La targa che ricorda il contributo
del Credito Cooperativo di Cernusco

TELESCOPIO PRINCIPALE (1)
obiettivo a specchio 305 mm
NEWTON VISUALE f/6 focale 1800 mm (specchio secondario piano a bassa ostruzione)
NEWTON FOTOGRAFICO f/6 focale 1800 mm (specchio secondario piano maggiorato)
CASSEGRAIN f/24 focale 7200 mm (specchio secondario ellittico)
TELESCOPIO SECONDARIO (2)
rifrattore acromatico f/15, diam. 120 mm, focale 1800 mm
abbinato a prisma di Herschel, filtro interferenziale a banda di 1,5 Å e spettroscopio con 207 linee per mm
CCD (3) sensore b/n 7×7 mm con raffreddamento
CERCATORE E ACCESSORI (4) rifrattore 80/400 , set filtri , fuocheggiatore elettronico

(1) Il “principale” riassume in se 3 strumenti: uno per l’osservazione visuale, uno per la fotografia astronomica, uno per gli impieghi ad alta risoluzione.
Di norma tutta l’attivita’ puo’ essere svolta con la prima configurazione: Sole , Luna, pianeti e oggetti celesti. In altri casi la fotografia potrebbe richiedere un campo ampio e omogeneo (comete con code estese, ricerca fotografica di asteroidi, ecc) rendendo necessario il passaggio al secondo schema ottico.
In particolari occasioni (opposizione Mate e Giove, doppie strette) e’ possibile spingere al massimo la risoluzione e l’ingrandimento dello strumento con qualita’ finale dell’immagine quasi inalterata (senza l’aggiunta cioe’ di ulteriori sistemi ottici come le lenti negative “barlow”).
Lo strumento “variabile” e’ spesso utilizzato dai professionisti, e recentemente anche il telecopio orbitante Hubble sfrutta lo stesso principio delle “camere multiple” abbinate all’obiettivo principale.
Il progettista Fernando Caliumi, che ha realizzato anche gli strumenti di altri 4 osservatori sparsi per l’Italia, ha avuto l’onore di ricevere la denominazione di un asteroide per meriti in campo astronomico. Il telescopio e’ stato rilevato dall’osservatorio di MANTOVA che opera in modo analogo a quello di Cernusco sul Naviglio nella didattica / divulgazione.
(2) Il “secondario” e’ un rifrattore classico con rapporto focale f/15 ottimo per il Sole, per la Luna e per l’osservazione ad alto contrasto dei pianeti.
Questo strumento e’ stato potenziato per quanto riguarda l’utilizzo diurno con l’acquisto di un prisma di Herschel (fotosfera solare, macchie, facole), di un filtro interferenziale (cromosfera e protuberanze sul disco), spettroscopio (analisi della luce solare ).
(3) Inoltre in collaborazione con l’associazione astrofili TITANO di Vimodrone sara’ possibile accoppiare ai telescopi i sensori digitali (CCD) per contrastare l’azione dell’inquinamento luminoso presente nella pianura padana e per aumentare la mole dei dati raccolti.
(4) Un “cercatore” che da solo e’ in realta’ un altro telescopio a corta focale (400 mm ) completa il sistema, oltre ad accessori di contorno come filtri colorati e specchi deviator e messa a fuoco di precisione..

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi